LIPOASPIRAZIONE

La lipoaspirazione (o liposuzione o liposcultura) è l’ intervento chirurgico atto ad asportare gli eccessi di tessuto adiposo localizzati, al fine di migliorare il profilo corporeo. Tramite apposite canule si esegue l’ aspirazione del grasso sfruttando un dispositivo a pressione negativa esterna.

Quali sono le aree trattate?

Le zone trattate più frequentemente sono i fianchi, le cosce, i glutei, ginocchia, addome, caviglie, braccia, regione sotto il mento.

A chi è rivolta?

I pazienti ideali sono persone di peso normale con pelle tonica ed elastica, che presentano accumuli adiposi localizzati in alcune aree corporee.
La lipoaspirazione può essere eseguita con buoni risultati anche in persone modicamente in soprappeso, con accumuli più diffusi e con cute meno elastica.
L’età non ha un significato determinante di per sé stessa, anche se nelle persone più anziane quindi non possono essere raggiunti gli stessi risultati ottenibili nelle persone giovani, data la ridotta elasticità dei tessuti

In cosa consiste tecnicamente l’ intervento chirurgico?

Dopo aver segnato con un pennarello le aree da trattare, si procede all’intervento. Si esegue l’ infiltrazione di una soluzione, contenente soluzione fisiologica, anestetico locale e il vasocostrittore, al fine di ridurre le perdite ematiche. Praticando delle piccole incisioni limitrofe all’area da trattare, si inseriscono le cannule, di diverso calibro, in genere 3 /4/5 mm che aspirano il grasso.

Che tipo di anestesia si utilizza?

La scelta del tipo di anestesia dipende dalla quantità di tessuto adiposo da asportare e dalla sua localizzazione: per piccoli accumuli in zone di limitata estensione l’intervento può essere eseguito in anestesia locale; accumuli di discreta entità localizzati agli arti infe-
riori possono essere asportati con anestesia peridurale o spinale (anestesia limitata agli arti inferiori) oppure con anestesia locale associata a sedazione; accumuli cospicui, specie se estesi all’addome ed ai fianchi o comunque presenti in diverse sedi corporee, richiedono invece l’associazione di anestesia locale e farmaci per via endovenosa (cosiddetta sedazione) o l’anestesia generale

Ci sono cicatrici?

Le uniche cicatrici sono dovute alle vie di accesso delle canule, sono lunghe circa 4/5 mm e sono poste in zone esteticamente favorevoli. I punti di sutura vengono rimossi nell’ arco di 5/10 giorni a seconda delle zone trattate.

Il risultato è immediato?

L’effetto migliorativo della lipoaspirazione sul profilo della parte trattata risulta immediatamente apprezzabile al Chirurgo già durante l’intervento. Il gonfiore successivo non rende peraltro valutabile il risultato dell’intervento per uno-due mesi nei casi più significativi. Il risultato definitivo risulta pienamente apprezzabile 6 mesi circa dopo l’intervento.
Può evidenziarsi un’ alterazione della sensibilità della pelle nelle zone trattate, che regredisce spontaneamente nel corso di alcuni mesi.

Quale è il decorso postoperatorio?

Il paziente si sveglierà con una guaina elastocompressiva, e con medicazioni compressive. Successivamente dovrà mantenere la guaina per un periodo variabile dai 30/40 giorni, al fine di guidare al meglio la guarigione e ridurre al minimo i gonfiori.
Il periodo di riposo da osservare dopo l’intervento è dipendente dalla quantità del tessuto aspirato, dall’estensione e dalla sede delle aree trattate e varia da uno a sette giorni.